• Mar. Ago 3rd, 2021

Il Recovery Plan dall’Europa all’Italia. I fondi, le destinazioni e la governance

DiClaudio Tiriduzzi

Apr 17, 2021

– Abstract –

Il Recovery and Resilience Facility (RRF) è il fulcro di Next GenerationEU, il piano dell’UE per uscire più forti dalla crisi del coronavirus.

Metterà a disposizione 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni.

Il campo di applicazione dell’RRF è strutturato attorno a sei pilastri, tutti volti a sostenere la ripresa economica, creare posti di lavoro e porre le basi per un’Europa più forte e resiliente: transizione verde, trasformazione digitale, crescita occupazione e coesione, coesione sociale e territoriale, resilienza sanitaria economica sociale e istituzionale, politiche per la nuova generazione.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza PNRR rappresenta una straordinaria occasione di rilancio degli investimenti nel nostro Paese con 196,5 miliardi tra sussidi (68,9 miliardi) e prestiti (127,6 miliardi).

 Il Piano è articoltato in 6 macro-missioni, vale a dire specifiche aree di investimento corrispondenti ai 6 pilastri.

Queste missioni a loro volta raggruppano 16 componenti o cluster funzionali per realizzare gli obiettivi economico-sociali definiti nella strategia del Governo.

Le componenti si articolano in 48 linee di intervento per progetti omogenei e coerenti.

La governance del PNRR è incardinata su una regia centrale, ma le amministrazioni locali vigileranno sui progetti.

Regioni ed Enti locali hanno la responsabilità attuativa delle misure loro assegnate; le Regioni supervisionano i progetti gestiti dagli enti locali e si assicurano che siano coerenti con le altre politiche regionali di sviluppo, secondo il Premier Draghi.

Scarica qui sotto l’articolo completo in pdf

Claudio Tiriduzzi

Dirigente Affari Europei della Regione Umbria. Membro del Coordinamento Nazionale Affari Europei presso la Conferenza delle Regioni e Province Autonome